venerdì 16 giugno 2017

Burro di Karité con olio di argan di Victor Philippe

Ciao ragazze,
oggi parliamo di un prodotto che ho potuto ricevere e provare grazie a Campioniomaggio.it e Victor Philippe che, nell'ambito di un'esclusiva collaborazione, hanno selezionato 50 fortunate tester blogger precedentemente candidate, tra cui appunto anche me.
Si tratta del Burro di karité con olio di argan di Victor Philippe.
Innanzitutto voglio presentarvi il prodotto riportandovi le sue caratteristiche oggettive, indicate nella scheda cartacea fornitami con il prodotto, poi vi riporterò anche le mie impressioni a seguito dell'esperienza personale.




SOSTANZE CARATTERIZZANTI E LORO PROPRIETÀ:
96,8% Burro di karité: idratante, emolliente, protettivo
3% Olio di argan: rivitalizzante, protettivo, idratante, antiossidante
0,2% vitamina E (Tocopherol): antiossidante naturale estratto dal germe di grano


CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO:
Le proprietà fortemente antiossidanti e idratanti dell'Olio di argan, chiamato anche oro liquido, agiscono in sinergia con il Burro di karité per un trattamento rigenerante e riparatore della pelle.
Favorisce la ricostruzione del film idrolipidico cutaneo grazie alle sue proprietà idratanti, elasticizzanti, rigeneranti, protettive, nutrienti. La pelle appare morbida, compatta, idratata e luminosa già dalle prime applicazioni.
Per una nutrizione profonda e una intensa azione antiossidante grazie alla ricchezza in polifenoli, tocoferoli e acidi grassi quali omega-6.
Ideale per pelli disidratate e mature. È ottimo anche per trattare capelli, unghie e decolleté.

ESPERIENZA PERSONALE
Come di evince chiaramente dalle informazioni di cui sopra stiamo parlando di un prodotto al 100% biologico e naturale.
Quindi il burro è inodore o per meglio dire non ha profumazione, ma piuttosto l'odore tenue, di buono del burro di karité puro che, per inciso, a me non dispiace per niente.
La texture è particolarmente consistente e per natura tende a solidificare, ma prelevando e lavorando pochi secondi con le mani (sfregandole) si ammorbidisce, senza diventare liquido come l'olio di cocco, ma la consistenza che assume facilita notevolmente la stesura sul corpo o sui capelli, tuttavia ora che ci sono oltre 30 gradi il passaggio di "lavorazione con le mani" si può saltare in quanto il calore esterno lo rende morbido.





Il packaging è pratico, igienico e completamente riciclabile: un semplice vasetto bianco in plastica con tappo a vite grigio e un altro tappino interno con sigillo che ne garantisce una conservazione sicura.



L'ho provato sulle gambe e sui capelli (amo i prodotti versatili) e non posso che confermare in toto tutte le azioni e le proprietà descritte nella sua scheda.
- Per quanto riguarda le gambe basta prendere un'esigua quantità di prodotto, scaldarlo tra le mani (a meno che non ci sia un caldo porco eccessivo, come quello attuale, in tal caso si salta questo step) e stendere per bene sulla zona "da trattare" fino ad assorbimento, cioè per 1 minuto circa (anche meno). Sebbene non unga l'emollienza è formidabile, nessuna crema o olio corpo provato finora regge al confronto, e la caratteristica che mi ha particolarmente sorpresa è la durata della morbidezza. Spesso la sensazione di morbidezza che lasciano i prodotti per il corpo ha una durata piuttosto effimera, mentre utilizzando il burro ho notato che anche il giorno dopo l'applicazione la pelle è ancora morbida e idratata al tatto e alla vista, ciò consente una frequenza di applicazione inferiore rispetto alle normali creme e per le pigre come la sottiscritta non è una caratteristica da poco.
- Per quanto riguarda i capelli l'ho usato (per ora) due volte come impacco, l'ho spalmato sui capelli asciutti e la prima volta l'ho lasciato in posa varie ore (4-5) prima di procedere normalmente con lo shampoo visto che non dovevo uscire; mentre la seconda volta avevo più fretta quindi è stato in posa solo una mezz'oretta; in entrambi i casi i capelli dopo shampoo e piega son risultati morbidissimi, vaporosi, soffici e lucidi (ovviamente un po' di più quando l'ho lasciato più tempo).
Cosa aggiungere? Questo connubio Burro di karité + Olio di argan per me è assolutamente vincente, è  stata una bella rivelazione scoprire questo prodotto dalle mille qualità che sicuramente continuerò ad usare e comprare, sono contentissima di averlo scoperto e lo straconsiglio ad occhi chiusi!
E voi che mi dite al riguardo? Conoscete questo prodotto? Lo avete provato? Conoscete il marchio Victor Philippe? Avete provato il burro di karité senza olio di argan? Che tipologia di prodotto utilizzare in genere per l'idratazione del corpo?

lunedì 29 maggio 2017

Metallist Liquid Foil & Glitter Shadow Duo di Touch in sol (BB cosmetic)

Ciao ragazze,
oggi parliamo di un tema molto in voga negli ultimi tempi: beautycare asiatica, nello specifico coreana.
Lo facciamo con BB cosmetic, sito per l'appunto coreano, che vende una gamma ampissima di prodotti delle categorie: Skincare, Makeup, Body, Capelli e Accessori di una gamma altrettanto ampia di brand ormai noti anche qui nel bel paese come Tony Moly, Elizavecca, Missha, Labiotte ecc. QUI trovate l'elenco completo.
Personalmente ho scoperto il favoloso mondo della beautycare coreana abbastanza recentemente, un paio di anni fa, ho avuto modo di appurarne le caratteristiche predominanti ovvero packaging accattivante e in molti casi pucciosissimo (ad es. il panda di Tony Moly, la faccina di Babyface, il porcellino di Elizavecca, l'uovo di Holika Holika, le maschere animalesche giusto per dirne qualcuna) abbinato ad originalità ed efficacia nelle formulazioni, la mia esperienza è stata però limitata a prodotti di skincare, maschere di varia tipologia, patch antiocchiaie e cerottini per punti neri; mai ho provato prodotti di makeup. Nella Sponsoring product list che mi ha inviato la gentilissima Irene di BB Cosmetic invece c'erano perlopiù prodotti di makeup da occhi a cuoricino istantanei, quindi sceglierne solo uno da provare non è stata un'impresa facile!
Alla fine la scelta è ricaduta su di lui:



METALLIST LIQUID FOIL & GLITTER SHADOW DUO nella colorazione #5 Lottie del marchio Touch in sol
L'ho scelto perché si tratta di un'interessantissima novità, o almeno io non avevo mai visto né provato un prodotto simile, è disponibile anche la versione per labbra, ma a dire la verità non mi sento ancora particolarmente pronta al metallizzato sulle labbra, quindi mi sono orientata sull'ombretto.
Vi spiego subito di cosa si tratta: abbiamo un tubetto tipo quello dei gloss con applicatore a entrambe le estremità, il corpo trasparente ci permette di vedere a colpo d'occhio il colore e intuire la texture delle due parti, ruotando la parte centrale nera si sceglie quale delle due estremità aprire. A un'estremità (LIQUID) abbiamo un ombretto metallizzato in crema a lunga durata che presenta applicatore con spugnetta, proprio come quello dei gloss, mentre all'altra estremità (GLITTER) abbiamo un tripudio di glitterini e l'applicatore a spatolina.






Si applica sulla palpebra mobile prima uno strato di ombretto in crema, che funge da base e poi i glitter.
Il colore sul sito è definito con un semplice ed ermetico "plum" che significa prugna, io di prugna ci vedo davvero poco, direi che è più un bronzino rosato che nella parte in crema ha delle sfumature malva e in quella in glitter delle sfumature rossastre, so che come definizione non si può sentire e fa entrare abbastanza in confusione, ma è molto più vicino alla realtà rispetto a plum!
La texture della crema è setosa, scorre facilmente con la spugnetta, ma io la "sistemo" sempre con il dito, soprattutto ai bordi, dove con la spugnetta non si riesce ad essere precisi, si comporta come un vero e proprio ombretto in crema. Appena applicato è umidino, ma dopo un minuto circa asciuga completamente. Anche da solo è stupendo, come vi dicevo ha delle stupende e particolarissime sfumature malva-argento, ma quando aggiungo i glitter BOOOOM! permettetemi l'onomatopea, è un'esplosione di lucentezza, luminosità, splendore, bagliore e tutti gli altri sinonimi che al momento non mi sovvengono, forma tipo una lamina ramata sbrilluccicante, è qualcosa di unico, mai visto, provato, posseduto nulla del genere.



Anche qui prelevo un piccolo quantitavivo di glitter con la spatolina e lo poso sulla palpebra, ma poi sistemo e stendo per bene con il dito. Un po' di fallout è inevitabile perché i glitter sono piccini piccini, ma è talmente bello che chissenefrega, glielo si perdona con estrema facilità. Sapete quanto io sia eyeliner-dipendente, ecco quando uso questo prodotto magicamente non sento il bisogno di contornare con l'eyeliner, tanto mascara e state apposto, inutile aggiungere altro che potrebbe andare a disturbare e distogliere dallo splendore di questa meraviglia.



Sebbene sia leggero e non faccia sentire la sua presenza anche la durata è pazzesca, da mattina a sera resta al suo posto tranquillamente, ed è anche facile da struccare perché non indurisce ma resta morbido sull'occhio. L'unico inconveniente è che i glitter sono sottilissimi e qualcuno potrebbe accedere nell'occhio durante lo sfregamento da struccaggio (così come mi succede con i due Celestial di Nabla che posseggo), quindi per non irritare l'occhio evito di usarlo in giorni consecutivi.
È disponibile in altre 4 tonalità che potete vedere QUI.
Insomma credo si sia già ampiamente capito che io AMO questo prodotto e sono altrettanto entusiasta di aver avuto occasione di conoscere questo fantastico sito dal quale son ben certa che presto ci scapperà un ordine. Volevo aggiungere che BB Cosmetics spedisce gratuitamente in tutto il mondo, QUI trovate nel dettaglio tutte le info sulle modalità di spedizione e i relativi tempi. Vi consiglio infine di seguire BB Cosmetic su Instagram perché spesso organizza degli interessanti giveaway.
Vi lascio come al solito con i riferimenti:
Sito Web: http://bbcosmetic.com/
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/bbcosmeticofficial/
Instagram: https://www.instagram.com/bbcosmetic_official/

E voi lo conoscevate già BB cosmetics? E questo duo? Che rapporto avete con i prodotti di skincare/makeup coreani?
 

mercoledì 17 maggio 2017

Forget your age Eye mask, Oil e Mask di Biomed Organic Medical Skincare

Ciao ragazze,
maggio purtroppo per me è un mese molto ricco, non economicamente purtroppo, ma a livello di impegni sgradevoli; chi come me fa il libero professionista ne sa qualcosa, quindi ora evito di perdermi in chiacchiere e tra una fattura e l'altra, provo a iniziare questo post che non si sa bene quando vedrà la luce.
Oggi è di Biomed organic medical skincare che voglio parlarvi, azienda tedesca con sede a Monaco di Baviera, che mi ha dato la possibilità di provare tre referenze appartenenti alla sezione delle novità.




Forget your age Eye mask
Forget your age Mask
Forget your age Oil

Come potete notare il nome della linea della quale fanno parte questi 3 prodotti non lascia molto spazio all'immaginazione, si tratta di prodotti anti-age ed è curioso il fatto che tutti questi prodotti mi siano arrivati proprio nel periodo del mio compleanno, durante il quale diventa particolarmente difficile seguire il suggerimento del nome della linea, ossia Dimenticare l'età!

La linea anti-age e anti-rughe dell'azienda (Forget your age) è particolarmente ricca di prodotti, tuttavia Biomed offre anche prodotti di tutt'altro genere, ad esempio prodotti focalizzati su Idratazione e detox, prodotti di Eye care, di Body care e di Basic care.

Tutti i prodotti Biomed sono:
- Naturali al 96-99%
- Testati clinicamente
- Testati dermatologicamente
- Adatti anche a pelli sensibili
Inoltre:
- Non contengono Parabeni
- Non contengono Olio minerale
- Non sono testati sugli animali
- Non contengono fenossietanolo

La prima cosa che mi ha colpita dei prodotti Biomed è stata una particolare cura nel packaging che è sì esteticamente gradevole nella sua semplice eleganza, ma anche pratico e funzionale, questa è una caratteristica che accumuna tutti e 3 i prodotti ricevuti e provati, che ora andremo a vedere singolarmente nel dettaglio.

FORGET YOUR AGE EYE MASK



Si tratta di una maschera anti-age e anti-rughe per la zona del contorno occhi che promette di levigare, riempire le rughe e dare un effetto collagene senza iniezioni.
L'odore è molto tenue, quasi impercettibile e la texture è pastosa e densa (non eccessivamente), simile a una pomata che si spalma facilmente ma resta ferma al suo posto e viene assorbita solo parzialmente dalla pelle, e resta morbida nel tempo di posa senza indurire.
Il packaging è il tipico tubetto stretto e lungo delle creme per il contorno occhi, con un bel tappo argentato, contiene 15 ml di prodotto e ha un PAO di 6 mesi.

Come da istruzioni ne applico uno spesso strato sulla zona pulita e asciutta, una volta a settimana (si può applicare anche 2 volte a settimana), lo lascio in posa per 10 minuti, poi procedo alla rimozione utilizzando un dischetto grande imbevuto di acqua per togliere "il grosso" e completando poi con un bel risciacquo con acqua tiepida. Poi asciugo la zona e applico la crema per il contorno occhi che uso abitualmente.


Si tratta per me di un prodotto completamente nuovo, nel senso che non avevo mai provato prima una maschera specifica per questa zona e anzi, nelle istruzioni di tutte le maschere viso che utilizzo viene specificato di evitare il contorno occhi nell'applicazione, per la particolare sensibilità della zona. Quindi il concept del prodotto mi piace particolarmente e mi piace anche il fatto che dopo averla usata sento la zona bella liscia, morbida, sgonfia e idratata. Sinceramente parlando però, non avendo zampe di gallina e altre rughe nella zona non posso garantire l'efficacia promessa in questo senso e per chi come me non ha questi specifici problemi ritengo che non sia un prodotto indispensabile; rappresenta tuttavia una coccola aggiuntiva rispetto all'abituale beauty routine che è utile nonché piacevole concedersi una/due volta a settimana.

FORGET YOUR AGE OIL


Questo è invece un olio anti-age e anti-rughe che promette di nutrire e rimpolpare la pelle, grazie all'azione di 7 oli (di mandorle dolci, di vinaccioli, di argan, di avocado, di soia, di jojoba e rosa canina) e delle nuove sfere BIO-Filling che sono delle sfere disidratate che essendo molto piccole riescono a penetrare la pelle e si gonfiano istantaneamente nell'acqua riempiendo le rughe e levigando i contorni.

Secondo le istruzioni va applicato su viso, collo e decolletè prima di applicare il prodotto di skincare di routine. Il packaging è molto pratico perché ha corpo trasparente che consente di visualizzare il livello di olio presente ed erogatore a pompetta che evita gli sprechi ed è igienico, contiene 30 ml di prodotto e ha un PAO di 6 mesi.


Pur sapendo dall'inizio che con alta probabilità il prodotto non sarebbe stato adatto alla mia pelle, ho avuto l'infelice idea una sera di provare personalmente l'olio, prima di affidarlo a qualcuno con pelle ed età più adatta a riceverlo: mia madre.
Se avesse potuto parlare la mia pelle quella sera mi avrebbe sicuramente detto "Sakura, che cosa diavolo fai?", ha comunque espresso questo concetto assorbendo pochissimo l'olio che ho applicato, nonostante uno speranzoso massaggio di un quarto d'ora, così me ne sono andata a dormire con la faccia unta e al risveglio c'erano ancora tracce di unto qua e là. Inoltre l'odore dell'olio non mi ha fatta propriamente innamorare (perifrasi per dire che non mi piace) credo che sia semplicemente l'odore "naturale" dell'olio senza aggiunta di profumi, per fortuna comunque almeno l'odore, al contrario dell'unto, è svanito abbastanza rapidamente. Insomma se avete la pelle grassa/mista questo olio non fa assolutamente per voi.
Mia mamma invece ha una pelle matura e normale e si è trovata molto meglio, ha usato l'olio anche lei la sera prima di andare a dormire ma non si è ritrovata unta come una foca come è successo alla sottoscritta fino alla mattina successiva, perché la sua pelle ha assorbito l'olio e quindi ha potuto serenamente godere dell'azione nutriente e idratante dell'olio che le rende la pelle morbida e levigata. Riguardo l'effetto lifting non è avvenuto nulla di miracoloso, ma con un utilizzo costante e prolungato sicuramente qualche risultato ci sarà, visto che l'azione idratante e nutriente è abbastanza forte.
Unendo l'esperienza mia a quella di mia madre deduco che l'olio potrebbe essere ideale per chi ha pelle secca o normale matura e non.

FORGET YOUR AGE FACE MASK


Anche questa maschera al suo interno contiene le sfere BIO-filling e le sue promesse sono simili a quelle dell'olio e della maschera per il contorno occhi, ossia rimpolpare la pelle, riempire le rughe con effetto collagene e nutrire con i suoi 4 oli (di avocado, di semi di cotone, di jojoba e di argan).

Anche in questo caso abbiamo una texture "pomatosa" e bianca leggermene più densa rispetto a quella del contorno occhi, stesso odore molto tenue, si stende facilmente come se fosse una crema, viene assorbita parzialmente dalla pelle e resta morbida durante il tempo di posa. È contenuta in un semplicissimo tubetto da 40 ml e ha PAO di 6 mesi.


Come da istruzioni ne applico uno spesso strato su tutto il viso pulito e asciutto una o due volte a settimana e lascio in posa 10-15 minuti, poi risciacquo. Non ho bisogno di applicare crema al risciacquo perché la pelle risulta idratata, morbida e distesa. Anche in questo caso non posso riportare effetti particolari sulle rughe, non avendone ancora per fortuna, posso però rassicurare in merito al fatto che non ha effetti negativi in presenza di impurità/brufoli non peggiora la situazione, quindi anche chi ha pelle grassa/mista può utilizzarla tranquillamente.
Analogamente alla maschera per contorno occhi, a mio parere non è un prodotto indispensabile, ma certamente un'ottima attenzione in più da dedicare alla pelle per prevenire o curare linee d'espressione e rughe.


All in all l'esperienza con i prodotti Biomed, nonostante non rispondessero perfettamente alle mie esigenze di pelle/età, è stata positiva. Certamente mi piacerebbe approfondirla provando qualche prodotto più mirato alle mie (numerose) problematiche, ad esempio mi incuriosiscono la Circle cure,  trattamento anti-occhiaie; il 5-in-1 cleanser, detergente con 5 azioni; Fresh eyes, contro le borse sotto gli occhi e Ingrow gone per la prevenzione e rimozione dei peli incarniti.

E voi conoscevate questo marchio? Avete provato qualche prodotto, o ne provereste qualcuno in particolare?
Vi lascio i riferimenti:
Sito Web: https://www.biomedorganics.de/
Instagram: https://www.instagram.com/biomedorganics/
Facebook: https://www.facebook.com/BIOMED-organic-medical-skin-care-471149786266822/?fref=ts


venerdì 5 maggio 2017

Nurbesten Spugnetta in silicone e Piastrina per stamping

Ciao!
Da queste parti si torna molto volentieri a parlare di NurBesten.
A seguito della prima collaborazione della quale vi avevo parlato QUI e QUI, la gentilissima Lucy, nel lontano febbraio mi aveva messo a disposizione un altro budget da spendere nella sezione dedicata a quelli che all'epoca erano i "nuovi arrivi", il cui pacchetto mi è stato recapitato ad aprile.
Come la volta precedente, giungere a una conclusione non è stato facile, vista l'enorme quantità di cosine pucciose e interessanti presenti nel sito, per fortuna però questa volta la sezione era limitata per cui sono riuscita ad essere leggermente più rapida e, concentrandomi fondamentalmente su packaging accattivante/carino e prodotti che suscitavano la mia curiosità ho scelto:



- SPUGNETTA IN SILICONE
- PIASTRINA PER STAMPING
- ROSSETTO MATT
- MINI PALETTINA DI OMBRETTI

Per evitare di farvi abbioccare con un post luuungo e tedioso, anche questa volta dividerò la review in due parti, pertanto stavolta parliamo dei primi due prodotti: la spugnetta e la piastrina.





SPUNGNETTA IN SILICONE (Jelly Powder Puff Silicone Gel Sponge Pink Star Cosmetic Foundation BB Cream Makeup Tool) Prezzo € 3,59



Questo è un prodotto che da un po' di tempo avevo una grande curiosità di provare, dal momento che se ne è parlato tantissimo nel beauty world e all'inizio (cioè circa 5 mesi fa) sembrava essere un prodotto destinato a rivoluzionare l'applicazione del fondotinta.
Si tratta di una spugnetta in silicone, inventata dal brand di makeup Molly Cosmetics (con il quale ho avuto il piacere di collaborare lo scorso settembre), che ci permette di applicare il fondotinta sul viso con 3 vantaggi: 1) non si spreca prodotto perché il silicone di cui è composta la spugnetta non ne assorbe, al contrario di quanto accade con beauty blender e pennelli, 2) facilità di lavaggio e super-rapidità di asciugatura, 3) lunghissima vita del prodotto.
Personalmente avevo sentito pareri sia positivi che negativi su questa spugnetta, quindi avevo tantissima curiosità di scoprire a quale delle due fazioni pro e contro, a seguito della prova, mi sarei unita.
Questa spugnetta ovviamente non è quella originale di MC, ma è di marca Born Pretty, comunque al di là del fatto che presenti delle stelline rosa e bianche al posto del nome del brand e della scritta Silisponge e del prezzo (inferiore rispetto all'originale), non credo ci siano sostanziali differenze.
Passiamo alla mia esperienza.
Per quanto riguarda la prima prova credo di non esagerare definendola TRAGICA! Come al solito ho messo delle piccole "strisce" di fondotinta su guance-naso-mento-fronte, una quantità leggermente inferiore rispetto al solito, e ho iniziato a provare a stendere picchiettando e trascinando il prodotto. Picchietta picchietta picchietta e quando si stendeva il prodotto? MAI! Non si stendeva, semplicemente si spostava sporcando le parti del viso dalle quali passava e rimanendo in superficie...Non ho potuto far altro che lavare la spugnetta e proseguire con la beauty blender. Per il lavaggio posso confermare che è un processo rapidissimo e velocissimo, un po' di sapone, una sciacquata, una passata di asciugamano, fine.
Devo ammettere che dopo questa esperienza non avevo molta voglia di darle un'altra chance, però mi è capitato per caso di leggere su una foto su Instagram di MC che per utilizzare la Silisponge bisogna mettere metà o 1/3 della dose normalmente usata di fondotinta. Quindi seguendo questa indicazione ho deciso di riprovare, ho usato un terzo di quantità ed è andata molto meglio, lavorandolo bene bene il fondotinta finisce per stendersi, quindi effettivamente si risparmia molto fondotinta e quando hai speso la bellezza di 48,00 € per il tuo fondotinta (il Doublewear di Estee Lauder del quale giuro che prima o poi vi scriverò la mia non richiesta opinione) non è un dettaglio da poco...Fatto sta che dopo un po' di giorni in cui ho usato la spugnetta in silicone sono tornata ad alternare pennello a spazzolina e beauty blender. Questo fondamentalmente perché nell'effetto finale non c'è paragone, sebbene questi strumenti assorbano un po' di prodotto e il loro lavaggio non sia semplicissimo, mi permettono di sfumare esattamente come e quanto voglio, mentre stendendo il prodotto con la spugnetta è come se restasse un po' in superficie non riuscendo ad amalgamarsi perfettamente con la pelle e in alcuni punti lasciando delle strisciate. Facendo una veloce passata di beauty blender dopo l'applicazione, l'effetto migliora notevolmente, ma non sempre abbiamo voglia e tempo per fare due passaggi piuttosto che uno, inoltre in questo modo di strumenti ne sporchiamo 2. Un altro neo della spugnetta in silicone è la sensazione non propriamente piacevole che ho passandola sulla pelle, non è per me un aspetto particolarmente significativo, fosse molto efficace ci passerei tranquillamente sopra, ma se devo dirla tutta è molto più piacevole passare sul viso (nell'ordine) il pennello a spazzola o la beauty blender. Aggiungo che nei giorni in cui l'ho usata ho avuto un'improvvisa impennata nella comparsa di imperfezioni, ma non sono certa che questo sia attribuibile alla spugnetta, quindi prendiamo questo dato con le pinze. Insomma non sono molto soddisfatta della spugnetta, per ora l'ho accantonata e non so se tornerò più ad usarla.

PIASTRINA PER STAMPING (Née Jolie Rectangle Nail Art Stamp Template Lace Flower Design Image Plate NJX-010) Prezzo € 5,39



Al mondo delle piastrine e del nail stamping invece non sono nuova, avevo infatti avuto modo di scoprire questa tecnica e provare due piastrine nel lontano 2013, grazie alla collaborazione con MoYou London.
Su NurBesten ci sono tantissimi prodotti per le unghie: adesivi, decorazioni, glitter, strumenti per nail art e ovviamente anche piastrine per stamping di forma rettangolare o rotonda; essendomi rimasto un ottimo ricordo dell'esperienza con lo stamping ho deciso di riprovare, scegliendo (dopo accurate riflessioni) una piastrina rettangolare, di marca Née Jolie, con uno tra i tantissimi motivi carini a disposizione sul sito, un motivo definito nella descrizione sul sito "floreal", se devo proprio essere sincera la mia prima scelta era questa, poi mi sono ricordata di avere 34 anni e ho ripiegato su qualcosa di più adulto/sobrio.



Il metodo è sempre lo stesso, brevemente: dopo aver steso normalmente uno smalto di base di qualsiasi colore e marca, scegliamo un colore che possa essere ben visibile (io nel 90% dei casi scelgo il bianco o il nero che si vedono bene su quasi tutti i colori, nonostante la terza foto non lo provi, dal vivo la differenza è molto più netta), con il suo normale pennellino ne stendo un po' sul disegno della piastrina che voglio usare, tolgo l'eccesso e livello con il raschietto, ci passo sopra il timbrino e passo a sua volta il timbrino sull'unghia (timbrino e raschietto NON sono in dotazione con la piastrina). Dopo aver decorato le unghie a mio piacimento, pulisco la piastrina strofinando con un dischetto imbevuto di acetone ed è pronta per il prossimo utilizzo.
Tutto molto a prova di ciompe e se lo dico io, che ho la pazienza inversamente proporzionale all'imbranataggine, potete fidarvi! Le piastrine NurBesten sono resistenti, funzionali e si puliscono bene, ve le consiglio in tutti i casi e soprattutto se volete avvicinarvi a questa tecnica senza spendere troppo, quanto ai motivi/fantasie/disegni, come detto poco sopra, ce n'è per tutti i gusti!
Seguono alcune "prove" che ho fatto con la piastrina, poche per mancanza di tempo, ma continuerò a "giocarci" e se mi verranno carine aggiornerò il post.
Non fate caso a mani e unghie bruttine e alle imprecisioni/sbavature varie, calcolate anche che prima di questo post non mettevo lo smalto da parecchi mesi (se non proprio un anno) quindi sono in parte giustificata, spero :), volevo solo farvi vedere un po' come funzionano piastrine e stamping, ovviamente con un po' di pratica e delle belle mani/unghie curate i risultati saranno molto migliori!

 


 
 
Vi ricordo che qui sulla destra è presente un bannerino (sotto il riquadro dei Lettori fissi), utilizzando il codice riportato potete usufruire di uno sconto del 10% per i vostri acquisti su NurBesten!
Fatemi sapere se avete già avuto modo di provare Nurbesten e se avete avuto modo di provare questi articoli anche di altri brand e cosa ne pensate, come al solito sono curiosa di sapere le vostre opinioni.
 


 



venerdì 21 aprile 2017

Hyaluronic Acid Serum e Coenzyme Q10 Serum di Timeless


Ciao!
come ogni anno il periodo fine marzo-prima decade di aprile nella mia vita è sempre particolarmente caotico per la concentrazione di compleanni e anniversari importanti, infatti sono scomparsa e torno con un anno in più, sob!
Oggi voglio parlarvi di un prodotto attualmente molto in voga tra le beauty vlogger/makeupartist/makeupaddicted (o come vogliamo definirle) che fanno i tutorial di makeup: i SIERI VISO! Se notate da un po' di tempo a questa parte infatti nei tutorial il primo passo compiuto è proprio quello di versare sul viso alcune gocce di siero direttamente dal contagocce e stenderlo, in alternativa alcune lo usano per diluire il fondotinta.
Io ho avuto modo di conoscere meglio e provare questa tipologia di prodotto grazie a TIMELESS, azienda statunitense (di Los Angeles) specializzata in prodotti di skincare, in particolare anti-age, anti-rughe, trattamenti per le cicatrici e prodotti per la cura dell'acne. Nel catalogo Timess sono presenti alcune creme, uno spray e un dermaroller, ma il prodotto di punta sono senza dubbio i sieri anti-age, in varie versioni, differenziate dall'ingrediente chiave dal quale sono composti.
A me sono stati inviati, a scopo di prova, 2 sieri:



- Coenzyme Q10 Serum
- Hyaluronic Acid Serum


Avendo a disposizione solo una faccia e non volendo prolungare oltremodo la fase di test, ho deciso di tenere uno dei due flaconi di siero per me e testarlo dunque personalmente (Hyaluronic Acid Serum) e dare l'altro (Coenzyme Q10 Serum) e farlo testare a mia madre.

HYALURONIC ACID SERUM



Vediamo innanzitutto come ci presenta il prodotto Timeless: il siero è il più venduto del brand e fa parte della linea Pure, che contiene ingredienti in concentrazioni che non si trovano in nessun altro prodotto. Si tratta di una linea completamente naturale e priva di parabeni, non adoperiamo gli ingredienti in quantità eccessive al fine di compensare l'assenza di principi attivi. Ci piace restare semplici ed efficaci.
Questo prodotto contiene Acido ialuronico, uno degli ingredienti più idratanti presenti sul mercato oggigiorno. Trattiene una quantità d'acqua fino a 1000 volte il suo peso. Contribuisce a ridurre le linee d'espressione e le rughe, aumenta la sintesi del collagene e facilita il miglioramento della pelle.
- Non unge
- Si asciuga rapidamente e completamente
- Naturale e privo di parabeni
- Più principi attivi meno agenti chimici
- Massime concentrazioni disponibili

Ora veniamo alle mie impressioni: il siero ha un packaging molto semplice e al contempo pratico, all'interno della confezione in cartone troviamo la boccetta in vetro trasparente satinato con classico tappo con contagocce, ossia in plastica a vite con cappuccio in gomma e tubicino in vetro che ci consente di utilizzare la quantità precisa che intendiamo di prodotto, senza sprecarne nemmeno una goccia.
Il siero assomiglia all'acqua: texture liquidissima, colore trasparente, inodore. Si stende con estrema facilità e scorrevolezza, ne bastano poche gocce per tutto il viso e collo e si asciuga rapidissimamente.




Teoricamente, le istruzioni consigliano l'utilizzo 2 volte al giorno, mattina e sera su pelle asciutta e pulita, in abbinamento a una crema/idratante, al fine di aumentarne i benefici.
Io lo utilizzo un'unica volta al giorno, la sera dopo lo struccaggio e prima di andare a dormire e lo ritengo sufficiente per le mie esigenze; ammetto che inizialmente ero abbastanza timorosa perché, come diverse volte ho riportato su questo blog, i prodotti anti-age hanno sempre un effetto terribile sulla mia pelle, apportando eccessiva idratazione alla mia pelle grassa, fanno aumentare la produzione di sebo e di conseguenza si verifica la comparsa di odiosi brufoli e sfoghi vari. In precedenza però ho sempre provato (e dovuto abbandonare subito) prodotti anti-age in forma di crema, olio e simili, mai avevo provato sieri di questo tipo e devo ammettere che per me la loro scoperta ha rappresentato una svolta. Finalmente posso usare un prodotto anti-age, visto che non sono più una teenager e ho bisogno di contrastare l'effetto degli anni che passano, senza avere un peggioramento della situazione imperfezioni. Credo che questo sia dovuto a una formula più leggera del siero rispetto alle creme e all'impiego per la sua realizzazione di prodotti naturali in concentrazioni corrette. Di contro questo mi fa pensare che, come consigliato da Timeless, per chi ha pelle normale o secca, sia opportuno usare il prodotto due volte al giorno, e abbinarlo alla propria crema idratante di routine. In generale, credo che sia opportuno per qualsivoglia tipo di pelle utilizzare il siero non come sostitutivo della crema bensì come ausilio aggiuntivo ad essa.
Appena il siero asciuga per circa 5 minuti ho la sensazione di pelle tesa, ma la sensazione non è fastidiosa come quando ad esempio utilizzo uno struccante aggressivo e la pelle tira al punto da costringermi a usare una crema idratante per avere sollievo, è una sensazione molto più leggera e meno fastidiosa, che comunque svanisce poco dopo senza che debba prendere alcun provvedimento.
Questo effetto mi porta a pensare che l'azione del prodotto sia presente ed efficace, non posso riportare dati visibili perché per fortuna al momento non ho ancora rughe particolarmente profonde, ma solo qualche linea d'espressione sul collo e tra le due sopracciglia (avrà un nome quella zona?!?), comunque credo che un uso prolungato del siero non possa che apportare giovamento soprattutto nella prevenzione della comparsa di altre linee d'espressione e vere e proprie rughe.
Non ho provato ad aggiungere gocce di siero al fondotinta, come visto in alcuni tutorial, perché il mio attuale fondotinta (Double Wear di Estee Lauder) è già di suo molto liquidino, ma se avete pelle secca e/o fondotinta molto corposo può essere un accorgimento utile.

COENZYME Q10 SERUM



Come ce lo presenta Timeless: questo siero fa parte della linea Serums, una linea anti-age studiata per ottenere una bellezza senza tempo, senza eccessiva fatica e senza spendere un capitale. Fornisce alle cellule l'energia necessaria a produrre collagene ed elastina. Il coenzima Q10 è presente abbondantemente nella pelle giovane, ma la quantità diminuisce man mano che invecchiamo. Utilizzando questo siero, che energizza le cellule cutanee, manterrete la vostra pelle giovane. La mancanza di collagene favorisce la formazione delle rughe e di una texture della pelle complessivamente più ruvida. Usiamo una concentrazione del 2% per ottenere il massimo risultato.



Ora veniamo alle impressioni mie/di mia madre: a parte i colori, il flacone e il packaging generale esterno e interno sono identici a quelli dell'altro siero. Consistenza, colore e odore invece differiscono e non somigliano all'acqua bensì al latte di mandorla; il siero infatti è più lattiginoso e leggermente più denso, ha un colore giallino chiarissimo e una profumazione lievissima e leggermente acidula, identica a quella del latte di mandorla.



Per il resto sia dall'uso fatto personalmente durante i giorni delle vacanze pasquali (trascorse a casa dei miei), sia dalla testimonianza di mia mamma (che l'ha utilizzato per circa un mesetto) non ho da riportare rilevanti differenze rispetto all'altro siero. Ne bastano poche gocce per tutto il viso, asciuga rapidamente e lascia per pochi minuti la sensazione di pelle tesa, tuttavia mi è sembrato che questo siero sia più idratante rispetto all'altro, infatti poi leggendo le istruzioni ho scoperto che si consiglia un'unica applicazione al giorno. Nonostante questo non ho riscontrato comparsa di brufoletti/sfoghetti, ma l'ho usato pochissimi giorni quindi su questo non garantisco nulla. L'idea che mi sono fatta in base alle sue caratteristiche e all'opinione di mia madre è che questo siero sia più indicato per pelli più mature oppure più secche vista la maggiore idratazione fornita, mentre l'altro lo vedo perfetto per chi ha problemi di pelle grassa ed ha età in cui è opportuno iniziare a prevenire le rughe.

In conclusione sono davvero contenta innanzitutto di aver scoperto proprietà e utilizzo dei sieri, di averlo fatto grazie a questo brand e di avere avuto la possibilità di provare prodotti davvero ottimi, naturali, senza parabeni, che impiegano elevate concentrazioni dell'ingrediente chiave che li compone, che coniugano efficacia a prezzi accessibili.

Prima di chiudere desidero spendere due parole sul discorso SPEDIZIONI, visto che quando si parla di pacchi spediti dall'America aleggia sempre un diffuso timore generale di blocco in dogana, tempi prolungati, spese di spedizioni da capogiro ecc.
In questo caso è tutto spiegato molto chiaramente QUI, vi sintetizzo i punti chiave in italiano e in base anche alla mia esperienza.
Timeless spedisce in tutto il mondo ad un costo di 8,00 $ (7 euro circa), fuori dagli Stati Uniti si avvale del corriere USPS International e la spedizione è tracciata, quindi potete stare tranquille e sapere in ogni momento dove si trova il vostro pacchetto. I tempi variano dalle 2 alle 4 settimane, il mio pacco è partito il 6 marzo ed è giunto a destinazione senza problemi di alcuna sorta dopo due settimane esatte, il 20 marzo.

Conoscevate questa azienda? Avete provato i suoi prodotti? Che rapporto avete con i sieri? Li usate o preferite anti-age di altro genere?
Vi lascio i riferimenti dell'azienda:
Sito web: http://www.timelessha.com/
Profilo Instagram: https://www.instagram.com/timelesshaskin/?hl=it


.

lunedì 27 marzo 2017

Travel kit 22 Luxury Argan (Shampoo+Maschera+Olio) di Emmediciotto

Ciao ragazze,
oggi ci discostiamo dall'argomento più ricorrente nel blog (makeup/cosmetici) per parlare di haircare e lo facciamo con i prodotti di Emmediciotto, un'azienda tutta italiana (di Senigallia nello specifico). Per descrivere la dedizione dell'azienda alla cura, alla salute e alla bellezza del capello mi permetto di copiare una frase trovata sul sito Web di Emmediciotto che mi è piaciuta molto:

"Trattare i capelli come se fossero la tua pelle, prestare loro attenzione quotidiana, cura, difesa, trattamenti, pulizia ti fa ottenere maggiore lucentezza, morbidezza, delicatezza, robustezza, salubrità e purezza. I termini estremi del tuo fascino. Unicità e semplicità di un codice gestuale che interpreta antiche saggezze per vivere il nostro tempo."

Tenendo in mente questa filosofia incentrata sulla cura a 360 gradi del capello voglio presentarvi il travel kit che mi è stato inviato dall'azienda:



Questo kit appartiene alla linea "22 Luxury Argan" e, come suggerisce il nome, si tratta di un kit composto da shampoo, maschera e olio il cui ingrediente principale è l'olio di argan.

La premessa doverosa è che parlandovi di questi prodotti vi fornirò delle semplici impressioni iniziali, non posso fare una vera e propria recensione approfondita con opinioni certe e definitive, poiché essendo delle mini-taglie ed avendo (come alcune di voi sanno) una massa infinita di capelli abbastanza lunghi, sono riuscita ad effettuare pochi lavaggi con shampoo e maschera, rispettivamente 3 e 4, non posso pertanto riportare l'esperienza a lungo termine con l'utilizzo prolungato dei prodotti.

SHAMPOO 22 LUXURY ARGAN

 


COME CE LO PRESENTA EMMEDICIOTTO: risponde alle esigenze di capelli fragili, secchi e privi di lucentezza. La sua formula dalle eccellenti proprietà cosmetiche, agisce in sinergia per garantire idratazione e nutrimento ai capelli, rendendoli morbidi, setosi e in perfetta forma.

LA MIA ESPERIENZA CON IL PRODOTTO: l'odore è simile per tutti e tre i prodotti, è dolce ma non stucchevole, gradevole ma non persistente. Sulle istruzioni del tubetto dice di applicare sui capelli bagnati, massaggiare delicatamente e ripetere l'operazione, poi risciacquare e applicare la maschera. Con alcuni prodotti la fase di "ripetizione" del lavaggio/frizionamento non è necessaria, ho trovato invece che con questo shampoo lo sia, perché nel primo lavaggio fa poca schiuma e ha un basso potere pulente, indipendentemente dalla quantità impiegata, è con la seconda che ho scoperto invece la sua bella e profumata schiuma corposa ma non eccessiva e ho potuto ottenere cute e capelli sgrassati e perfettamente puliti. Lo shampoo comunque è facile da applicare e da risciacquare (potrebbe sembrare ovvio, invece lo puntualizzo perché al momento sto usando uno shampoo terribile da rimuovere perché mi ingarbuglia e annoda i capelli in modo assurdo, più di quanto già lo siano di natura).

MASK (MASCHERA) 22 LUXURY ARGAN

 


COME CE LA PRESENTA EMMEDICIOTTO: con olio d'argan, pantenolo, aloe vera e proteine del latte, ha un'azione di elevata idratazione sui capelli secchi e sfibrati rinforzandone la struttura e assicurando una naturale lucentezza e pettinabilità.

LA MIA ESPERIENZA CON IL PRODOTTO: quando nella modalità d'uso ho letto di applicare una "generosa" quantità di prodotto su tutta la lunghezza dei capelli, mi sono un po' spaventata, ho pensato di dover utilizzare tutto il contenuto della mini-taglia in un'unica "botta", al fine di districare la massa infinita di cui sopra. Mi sono sorpresa invece da come con una piccola noce vicino alle radici + un'altra piccola noce per le lunghezze i capelli risultassero subito facilmente pettinabili e districabili; ne è prova il fatto che la maschera son riuscita ad utilizzarla una volta in più rispetto allo shampoo, nonostante l'identica quantità dei tubetti di 50 ml. La maschera dopo l'applicazione va lasciata agire pochi minuti (con o senza fonti di calore) e poi risciacquata. Difficile che non mi innamori a primo colpo di un prodotto che riesce a districare senza dover abbondare rischiando di appesantire la chioma, e infatti questo dei tre è stato il prodotto del kit che ho preferito senza alcun dubbio, semplicemente un'ottima maschera!

OLIO 22 LUXURY ARGAN



COME CE LO PRESENTA EMMEDICIOTTO: olio ristrutturante non grasso dalla formula ultra leggera, ideale per tutti i tipi di capelli, grazie alle proprietà dell'argan assicura luminosità, morbidezza e nutrimento ai capelli.

LA MIA ESPERIENZA CON IL PRODOTTO: la prima cosa che mi ha stupito di questo prodotto è la sua consistenza, a metà strada tra un gel e un olio, che presenta solo i pro delle due consistenze, infatti non scivola tra le mani come farebbe un olio ma permette una agevole applicazione senza appiccicare le ciocche come farebbe un gel. Questo tra i tre prodotti è l'unico che non ho finito perché ne bastano poche gocce, le verso sulle mani e applico sui capelli, prima partendo dalle radici e scendendo sulle punte e poi "arricciando" dalle punte alle radici. Si assorbe immediatamente (specifico però che i miei capelli sono molto porosi e "bevono" tutto con grande avidità) e non lascia i capelli "unti". È un prodotto molto versatile, si può usare anche come trattamento, massaggiando delicatamente ciocca per ciocca e lasciando agire per un'ora.

Inci e altre info sui due tubetti (clic per ingrandire)


ESPERIENZA COMPLESSIVA:
Con l'uso sinergico effettuato per 3 volte di questi 3 prodotti, il risultato che ho ottenuto sono capelli perfettamente puliti, leggeri, lucidi e morbidi. Tra tutte queste caratteristiche spicca la morbidezza; benché il mio riccio fosse sufficientemente definito e nutrito è apparso al contempo morbido e vaporoso. L'azione districante della maschera è durata perfino dopo la piega, facilitata certamente dall'azione dell'olio, sono riuscita anche a capelli asciutti a passare la mano senza incontrare resistenza di nodi, evento più unico che raro.
Posso quindi affermare che l'esperienza complessiva, sebbene breve, dei tre prodotti è stata senz'altro positiva e lascia ben sperare sui probabili effetti più consistenti in termini di luminosità e lucentezza che si avrebbero con un utilizzo assiduo, ma che al momento non posso confermare.

Effetto del Kit sulla mia chioma

La 22 Luxury argan è solo una delle tante linee che propone Emmediciotto per qualsiasi esigenza, vi lascio quindi tutti i riferimenti per poterne sapere di più se vi va!

Sito Web: http://www.emmediciotto.com/
Instagram: https://www.instagram.com/emmediciotto_international/

giovedì 9 marzo 2017

Tappetino Palmat per la pulizia dei pennelli di Prackt


Ciao ragazze,
oggi non parliamo né di cosmetici né di makeup, ma di uno strumento per pulire "gli attrezzi del mestiere" (o per meglio dire dell'hobby, visto che il mio mestiere è un altro) ovvero i pennelli.
Un annetto fa per svolgere la noiosissima attività di pulizia dei pennelli sono passata dallo strumento -mano- di cui tutte siamo dotate, allo strumento -simil egg-brush- (acquistato a meno di 2 euro su Aliexpress), mi sono trovata talmente bene da dargli anche un bel verde nella penultima Semaforo Review.
Una bella storia finché è avvenuto il fattaccio; quest'anno siccome sono stata tanto brava (?!?) Babbo Natale mi ha portato (sotto esplicita richiesta, con tanto di link dal quale acquistarlo, nella letterina) un set di oval brush, ovvero i pennelli a spazzola con manico flessibile. Come probabilmente sapete questi pennelli hanno setole fittissimissime, molto più fitte dei normali pennelli e purtroppo la simil egg-brush nello sporco lavoro di pulizia di questa tipologia di pennelli ha fallito miseramente, non solo puliva le setole solo superficialmente, non riuscendo cioè a penetrare alla base delle stesse, ma quando l'ho utilizzata per la prima volta per pulire l'oval brush adoperato per l'applicazione del fondotinta è addirittura rimasta una patina marroncino-beige (del colore del fondo) sulla superficie del simil egg-brush che non sono riuscita a togliere con nessun detersivo. Certamente la difficoltà dipende anche dall'oleosità dei prodotti in crema per viso, ma considerando che lo stesso problema con lo stesso prodotto con un pennello normale non l'ho riscontrato, sono giunta alla conclusione che il problema dipenda prevalentemente dalla tipologia di pennelli.
Quando, quindi ho cominciato a vedere in giro per numerosissimi blog questo PALMAT ho subito pensato "Chissà se riuscirebbe a vincere la sfida di pulizia degli oval brush", così ho contattato l'azienda che lo produce/vende: Practk e nel giro di una settimana dalla spedizione dall'America (tracciabile con Fedex) ho ricevuto il mio Palmat e l'ho subito messo alla prova.



Non vi dico subito come è finita la sfida, prima qualche piccola notizia sullo strumento; innanzitutto una piccola curiosità: le menti che hanno ideato Palmat appartengono ai fondatori del famosissimo marchio di pennelli Sigma Beauty, quindi possiamo affermare che questi signori di pennelli ne sanno qualcosa.
Il Palmat è formato da due cerchi piatti in silicone di un bel fucsia acceso, che presentano sulla superficie tre diverse trame: pallini, dentini e lineette verticali e orizzontali.

Su metà di uno dei due cerchi abbiamo delle palline in rilievo che sono perfette per la pulizia dei pennelli più grandi, sull'altra metà abbiamo dei fitti dentini che personalmente trovo ideali per la pulizia a fondo dei pennelli più piccolini.



L'altro cerchio è composto da metà superficie sempre con questi dentini e l'altra metà presenta delle lineette verticali e orizzontali che vanno bene per lo "sporco ostinato" di pennelli di tutte le dimensioni.



Io faccio una passata su tutte le superfici, anche perché l'interpretazione corretta credo che sia che la parte con i pallini e quella con le lineette siano destinate al lavaggio (sono contrassegnate dalla scritta WASH) mentre le due dentellate sono mirate al perfezionamento del lavaggio (contrassegnate dalla scritta REFINE), usandole tutte quante di certo non si sbaglia e il risultato ne è la prova!

L'altra caratteristica rilevante del Palmat è che può essere utilizzato in due modalità:
1) Fissandolo al lavabo con le sue 6 piccole ventose, se preferite avere le mani libere.



 Le ventosine sono di ottima qualità, quindi se avete l'accortezza di posizionare il Palmat sul bordo del lavandino (cioè non proprio sotto al getto dell'acqua, quindi in una zona umida ma non bagnatissima) le ventose si ancoreranno perfettamente e potrete sfregare i pennelli esercitando quanta forza volete, tanto il vostro Palmat resterà al suo posto senza fare una piega.

 
(scusate per la qualità infima di queste foto ma in bagno la luce fa davvero pena)
 
 2) Se preferite avere un maggiore controllo manuale del tool potete fissare il Palmat alla mano, il suo cinturino a tre fori permette di regolarne la larghezza in base alla dimensione della mano.




Io mi trovo bene usandolo in tutti e due i modi, anche se preferisco l'applicazione con le ventosine perché spesso i pennelli da lavare sono tanti, quindi così procedo con maggiore velocità, lo trovo un po' più pratico.
Per lavare i pennelli potete utilizzare il fluido che preferite, io uso del semplice sapone liquido, lo uso anche per lavare lo stesso Palmat: una bella insaponata, risciacquo sotto l'acqua corrente, una passata con l'asciugamano e il vostro Palmat è come nuovo, pronto per i successivi utilizzi.

Forse si è già capito dall'entusiasmo con il quale ve l'ho descritto, ma Palmat ha perfettamente superato la sfida di pulizia degli oval brush.
Li ho lavati tutti quanti grandi, piccoli, medi, fondamentalmente utilizzati per prodotti per il viso cremosi (fondotinta e palette in crema da contouring) e in polvere (cipria e blush) e il risultato è stato più che soddisfacente: i pennelli risultano perfettamente puliti per tutta la lunghezza delle setole, non sono assolutamente danneggiati, così come pure il tool.



Ovviamente ho testato Palmat anche con i pennelli normali che utilizzo per gli ombretti in crema e in polvere e (in rare occasioni) per stendere in modo preciso il rossetto, e anche con questi il Palmat ha svolto un ottimo lavoro.

"Mazzo di pennelli" lavati con Palmat


Inoltre la sua dimensione non ingombrante e il fatto che sia piatto, morbido e piegabile, lo rendono perfetto anche per gli spostamenti/i viaggi.
In conclusione non posso che affermare che sono assolutamente soddisfatta di questo prodotto, certo non è che ora lavare i pennelli sia diventato un carnevale di Rio, ma è sicuramente meno noioso e scocciante e molto più pratico e veloce rispetto a prima!
Il Palmat si può acquistare qui a 9,95 $ (9,40 € circa), mi sembra un prezzo abbastanza onesto, ho fatto una ricerca di tappetini per la pulizia dei pennelli e ho visto che i prezzi si aggirano tutti intorno a questa cifra, con questo però avete la garanzia di un prodotto di qualità (soprattutto se avete avuto modo di provare pennelli Sigma lo sapete), credo che il problema potrebbero essere le spese di spedizioni, ma non so dirvi a quanto ammontano non avendo effettuato l'ordine.

E voi conoscevate il Palmat e Practk? Come lavate i vostri pennelli?

Vi lascio i riferimenti dell'azienda:
Sito Web: http://www.practk.com/
Profilo Instagram: https://www.instagram.com/practk/
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/PractkBeautyGadgets/
Account Twitter: https://twitter.com/practk/

lunedì 27 febbraio 2017

Semaforo review: Maschera di Glenova, Tonico di Leocrema, Acqua micellare di Garnier, Deodorante di Bema cosmetici


Ciao ragazze,
oggi ho voglia di parlarvi brevemente (ci provo) di alcuni dei prodotti acquistati e utilizzati negli ultimi mesi e quindi eccomi qui a tediarvi con una Semaforo Review nuova di pacca.


MASCHERA CAPELLI GLENOVA (IDRATANTE CON OLIO DI COCCO): SEMAFORO GIALLO

Ho voluto fortissimamente provare una maschera Glenova perché quando tempo fa vi scrissi il mio parere sulle maschere Omia (che adoro), in un commento una ragazza mi disse di trovare le Glenova migliori e che hanno anche un costo notevolmente inferiore.
Ovviamente mi è scattata una fortissima curiosità e mi son messa a girare tutti i negozi di detersivi e affini di Lecce e Nardò (come un'esaurita) alla ricerca di queste introvabili maschere, per scovarle poi alla fine (grazie al suggerimento che mi ha dato una ragazza su Facebook) in un negozio di cinesi. La maschera seppure venduta in questa tipologia di negozi per motivazioni a me totalmente ignote è made in Italy e l'azienda è italianissima, della provincia di Ancona per l'esattezza. Ho preso quella idratante all'Olio di cocco perché era l'unica che c'era (dovrebbe esistere anche ad Aloe vera e muschio bianco, Fragoline e mirtilli, Olio di mandorle dolci e Olio di argan) e anche perché l'odore del cocco è uno dei miei preferiti in assoluto.
Effettivamente il costo è molto basso: 1,20 € per una confezione mega (da 500 ml).
Non mi addentro in info sull'inci perché, come dico sempre, sono ignorantissima in materia, ma la famosa ragazza del commento disse che l'inci è accettabile e anche facendo una breve ricerca in rete è emersa la stessa cosa, bon mi fido. Dunque riassumendo per ora abbiamo prezzo bassissimo, inci accettabile e buona profumazione. Certo tutte belle cose, ma se poi passiamo ad azione e qualità posso decisamente affermare che MAI mi sognerei di cambiarle con le mie amate maschere Omia. Per districare bene c'è bisogno di una quantità pari al triplo di quella necessaria per le Omia e ok, questo non è un problema grave vista la grandezza della confezione, il problema è che più prodotto uso e più il capello si appesantisce e l'effetto diventa ahimè visibilissimo durante la piega. Considerando che la mia chioma è già abbondantemente pesante di suo, questa caratteristica mi basta e avanza per salutarle con un grande ciaone ed eliminarle per sempre dalla mia haircare routine (quando tra tre anni avrò finito la confezione, si intende), anche l'effetto di idratazione mi è sembrato piuttosto blando. Puntualizzo comunque che le maschere non sono una ciofeca, ho provato di molto peggio a prezzi molto più alti, per questo non si beccano un rosso ma un giallo, credo semplicemente che se ci si trova bene o male dipenda moltissimo dal tipo di capelli, per i miei non vanno bene.

TONICO LEOCREMA (RIEQUILIBRANTE ALL'ALOE VERA): SEMAFORO GIALLO

Non ricordo esattamente dove l'ho beccato, sarà stato un supermercato or something perché ricordo che la scelta era molto limitata (per fortuna anche il prezzo, che ovviamente non ricordo, non più di 3,00 € comunque), mi serviva con urgenza perché avevo finito quello precedente e quindi l'ho portato a casa con me senza troppi complimenti. Esprime perfettamente il concetto di "senza infamia e senza lode", l'ho usato tutte le mattine su dischetto (la mia faccia non ama l'acqua di mattina) e ho riscontrato che il suo compitino di pulizia lo svolge tranquillamente, il profumo è lieve, non lascia la pelle unta né secca, personalmente preferisco qualcosa di leggermente più forte, più purificante, ma tutto sommato può andare. Per il momento non lo ricomprerò, ho preso un mese fa da Tigotà quello Kaloderma perché questo Leocrema sembrava essere agli sgoccioli, invece è ancora qui tra noi, inizio a pensare che si rigeneri durante la notte, si può prendere a braccetto con la maschera Glenova.


ACQUA MICELLARE GARNIER (PER PELLI SENSIBILI): SEMAFORO GIALLO

Quest'acqua micellare l'ho presa perché avevo letto cose un sacco belle su di lei e quindi volevo assolutamente conoscerla. Ho escluso quella con tappo verde perché avevo letto invece dei pareri oRibili, quindi mi sono orientata senza indugi su questa con il tappo da femminuccia. Purtroppo non mi ha convinta, forse essendo studiata specificamente per pelli sensibili, per la mia pelle risulta un po' troppo delicata. Dopo averla usata non mi sento "apposto" ben struccata e pulitissima come esigo prima di andare a dormire, e sebbene dovrebbe teoricamente essere senza risciacquo, io ho bisogno di lavare la faccia e non semplicemente una sciacquatina con acqua, ma una bella strofinata con detergente.
Anche sugli occhi, ottimo il fatto che non bruci, ma non scioglie il mascara e l'eyeliner in modo da far sì che specchiandomi la mattina dopo non veda tracce di panda. Anche lei è affetta da gigantismo (400 ml), quindi non ci ho pensato proprio a finirla, per ora l'ho messa da parte e sto usando quella Kamelì che mi sta piacendo molto di più. Non me la sento di dargli rosso perché credo che, analogamente alla maschera Glenova, la sua efficacia sia un fattore soggettivo e dipenda cioè dalla tipologia di pelle, molto probabilmente chi ha pelle da normale a mista ci si trova tranquillamente bene.

DEODORANTE BIO ROLL-ON BEMA COSMETICI: SEMAFORO VERDE (IPNOSI)

Lui è il mio primo deodorante bio.
Mi son fatta perciò consigliare dalla mia "bioprofumerista" di fiducia. Me l'ha presentato come quello diciamo più "forte" tra quelli che aveva, avendogli io chiesto che avesse una certa efficacia e persistenza. È un roll-on e ha un profumo adorabile, delicato e fresco. Il fatto che non bruci applicandolo appena dopo aver usato il rasoio mi porta ad amarlo incondizionatamente e ne sto apprezzando anche la durata in termini di quantità; quando l'ho preso ammetto che 8,50 € per una confezione così piccina mi son sembrate esagerate, invece lo uso tutti i giorni da prima di Natale e non è assolutamente prossimo alla fine. Per tutta la durata dell'inverno mi è piaciuto e mi ha convinta. Quello che temo è che per la stagione primaverile-estiva (per le mie esigenze) possa risultare un po' troppo blando, lo dico dall'esperienza avuta in alcune rare giornate invernali più miti. Comunque per il momento non me la sento di non dargli il verde, sarà che avevo basse aspettative dato che a volte ho il preconcetto (errato probabilmente) che i prodotti bio siano meno efficaci di quelli non bio, ma mi ha stupita positivamente, quindi consiglio di provarlo.

Per questa "puntata" è tutto, ma ho un bel po' di altri prodotti provati di cui mi piacerebbe esprimere brevemente un parere, quindi CREDO che non passeranno altri 5 mesi prima di rivedere una SR da queste parti.
Avete provato o intendete provare questi prodotti? Che ne pensate? Dite dite, sono tutt'orecchi!